Al-Zawahiri dead: bad timing?

Zawahiri’s assassination opens a pandora’s box
5th august 2022 jerusalem post

JPost article in English

Formiche.net article in Italian

The killing of Ayman al-Zawahiri, the lackluster, pedantic idealogue of Al-Qaeda, brings a strange closure to the US “War on Terror”, which started with 9/11. Egyptian born al-Zawahiri, was known to be a confidant of Saudi Osama bin Laden, who was America’s Public enemy number one, until he was found and killed in Abbottabad, Pakistan, over 10 years ago.

The world had all but forgotten about al-Zawahiri and al-Qaeda. Once the primary global Islamic terrorist organization, the Al-Qaeda had become a footnote with more deadly organizations such as the ISIS taking its place. Islamic terrorism has also evolved extensively since Bin Laden and al-Zawahiri masterminded the attacks on 9/11. Al-Zawahiri neither had the finances nor the sophistication to upgrade to terrorism 4.0.

Continue Reading

Il momento dell’India nella diplomazia europea

Modi and Quad

Originale Affarinternazionali

L’India è diventata un centro di interessi molto attivo di recente, nonostante la sua posizione impopolare in occidente sulla Russia. Sulla scia della visita in India del primo ministro britannico Johnson, anche la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen è stata a Delhi. Von der Leyen ha visitato la capitale indiana più volte in veste di politica e ministra della difesa tedesca, ma questa è stata la prima volta da presidente della Commissione europea.

La sua visita arriva in un momento difficile, momento in cui Boris Johnson, nonostante le proteste provenienti da diverse parti nel Regno Unito, è stato in India per incoraggiare la Enhanced Trade Partnership (ETP), che prevede il raddoppio del commercio tra Regno Unito e India entro il 2030, e i negoziati per l’accordo di libero scambio (FTA) tra Regno Unito e India, iniziati nel gennaio 2022. Secondo tutti i rapporti, la visita di Johnson ha avuto molto successo considerato che il punto cruciale della Brexit è stata proprio la concorrenza commerciale Ue-Uk, soprattutto nel Commonwealth, di cui l’India è membro, una comunità forte di 2,4 miliardi di persone.

Continue Reading

Xi and 5G: The story of the evolution of the Chinese dragon.

The story of the evolution of the Chinese dragon and its singular President Xi Jinping and how small pieces of 5G, Make in China, East Turkistan and Tibet fit together in a beautiful brocade woven by the master. On Insideover.com

Xi e 5G
Xi and 5G

Porto Interporto Feb 2021: Oceano Indiano, il nuovo Mare Nostrum allargato

co-written with the legendary Prof. Arduino Paniccia, this article focuses on the importance of India’s role in the Indian Ocean, The Indian Ocean Rim Association (IORA) and the importance of Italy allying with India for a new enlarged Indo-Mediterranean to keep Turkish designs under check.

portointerporto feb 2021
Oceano Indiano, il nuovo Mare Nostrum allargato http://portoeinterporto.blogspot.com/2021/02/febbraio-2021-pag-42-oceano-indiano-il.html

Il lato nascosto di terrorismo

A tribute to Daniel Pearl, whose 19th death anniversary on 1st of Feb 2021 was marred by the liberation of his killers by the Pakistani courts.

lato nascosto
Insideover.com https://it.insideover.com/terrorismo/il-lato-nascosto-del-terrorismo.html

In requiem: Daniel Pearl

Gli avvenimenti del 1° Febbraio 2021 sono passati totalmente inosservati in un mondo ancora messo in ginocchio dal COVID-19. Questa data rappresentava il 19°ismo anniversario dell’assassinio di Daniel Pearl, giovane giornalista americano, brutalmente decapitato dai suoi rapitori a Karachi, in Pakistan, in nome della jihad islamica. Quasi quarantenne, Pearl era il capo della South Asia Bureau del Wall Street Journal e si trovava in Pakistan per seguire la guerra contro il terrore di George W. Bush, diventata oggi la più lunga guerra degli Americani in un paese che ha il soprannome di “la tomba degli imperi”, l’Afghanistan.

Continue Reading

India @ UN security council

Il biennio Indiano a Consiglio di sicurezza

An #analysis in #italian on #india ‘s 8th #UNSC mandate. Published on formiche.net #formiche published on the 24th Jan 2021.

Con il 1 gennaio 2021, inizia il mandato biennale dell’India al consiglio di sicurezza ONU. Per l’India, che da tempo mira ad una posizione permanente all’interno del consiglio, questo è il suo ottavo mandato.  Oggi il popolo indiano rappresenta un sesto della popolazione mondiale. E la democrazia più popolosa al mondo ed entro il 2025 supererà la Cina come il paese con un maggiore numero di abitanti. Dopo la pandemia, è la sesta economia ed rappresenta l’unico potere democratico laico in Sud Asia che resiste al dominio Cinese. Dovrebbe già meritare il posto permanente nel consiglio di sicurezza ONU ma in realtà, non è ancora così.

Il mandato Indiano inizia in un mondo colpito dalla pandemia con tante crisi aperte che minacciano la sicurezza di quasi un miliardo di abitanti di questa terra. I conflitti in Libia, in Siria e in Yemen e le instabilità nel corno di Africa, le tensioni nel Medio Oriente tra Iran e Israele. Tuttavia, dopo la pandemia, il problema più grave che affronta la comunità globale è l’aggressività economica e militare cinese.

Dal Movimento dei paesi non-allineati  (NAM) a Vasudhaiva Kutumbakam

L’elefante indiano ha ricoperto un ruolo nell’indottrinamento internazionale di non allineamento e non interferenza. Nel 1955 l’India ha fondato il Movimento dei paesi non-allineati (NAM) con l’Indonesia e la Jugoslavia. Nel suo discorso inaugurale del mandato ONU, il Presidente del Consiglio Indiano Narendra Modi ha dichiarato che la strategia Indiana per il suo biennio seguirà I principi di rispetto, dialogo, cooperazione, pace e prosperità. Il Premier ha iniziato il mandato con la dichiarazione: “il mondo è un’unica famiglia”, citando il saggio antico di Mahā Upanishad Vasudhaiva Kuṭumbakam che si trova inciso all’ingresso del parlamento Indiano. Questa dichiarazione di alti ideali non sembra niente altro che una continuazione di uno storico progetto dove l’India cerca di raccogliere consensi e non passa mai ai fatti.

Continue Reading

India e USA: nuova sfida alla Cina nell’Indo-Pacifico

Il Centro Studi Geopolitica.info vuole costituire un luogo di incontro, sia ideale che fisico, per lo studio della geopolitica e delle relazioni internazionali, nonchè per alimentare il dibattito nazionale e internazionale in una duplice prospettiva: teorica e di analisi empirica.

Pubblicato il 11 Nov. 2020