India e USA: nuova sfida alla Cina nell’Indo-Pacifico

Il Centro Studi Geopolitica.info vuole costituire un luogo di incontro, sia ideale che fisico, per lo studio della geopolitica e delle relazioni internazionali, nonchè per alimentare il dibattito nazionale e internazionale in una duplice prospettiva: teorica e di analisi empirica.

Pubblicato il 11 Nov. 2020

India e USA: Nuova sfida per la Cina nell’Indo Pacifico

L’India, con un nuovo accordo con gli Stati Uniti a pochi giorni dalle elezioni presidenziali, dà inizio ad una vera e propria offensiva congiunta contro la Cina. L’alleanza “quad” comprende gli USA, l’India, il Giappone e l’Australia, sfidando la Cina nelle acque dell’Indo-Pacifico.

Durante il suo primo mandato, Modi ha abbracciato una nuova dottrina nel campo degli affari esteri del Sud Asia. L’India è tornata ad essere molto impegnata in Afghanistan, ha aumentato i suoi sforzi per riconquistare il potere in Sri Lanka, dove i rapporti erano recentemente sfuggiti di mano. I fratelli Rajapaksha sono tornati al potere in Sri Lanka ma ora sono molto più sensibili alle esigenze indiane rispetto al passato, ciò è stato dimostrato dalla prima visita a Nuova Delhi del Presidente Rajapaksa dopo la sua vittoria. 

Continue Reading

Tuchia, Pakistan, cina: il nuovo grande gioco

articolo pubblicato sull'occidentale 1 Sett 2020

Mio articolo: Le pericolose ambizioni Turchia-Pakistano-Cinesi pubblicato il 1 Sett. 2020, l’Occidentale (clicca per leggere il originale)

Quando due anni fa Imran Khan divenne primo ministro del Pakistan suscitò subito molte aspettative. L’auspicio era che l’ex capitano della nazionale di cricket, in virtù delle sue storiche amicizie con i giocatori indiani, inaugurasse una stagione di pace e di dialogo col vicino, dando al suo governo un’impronta moderata e tollerante.

Aggiornamento dei 3 Settembre: Intervista di Premier Imran Khan a Al Jazeera. Pakistan’s PM: Our economic future is now linked to China. Prime Minister Imran Khan reviews his first two years in office.

Aggiornamento del 5 Settembre, formiche.net articolo di Francesco De Palo: Gli 007 turchi avvisano Erdogan e svelano le manovre in Medio Oriente

Continue Reading

La nuova alba tra i popoli: Pace EAU-Israele

La notizia del 13 agosto sul riconoscimento reciproco tra Israele ed Emirati Arabi Uniti è stato il primo raggio di sole dai negoziati di Oslo del 1995 nella storia lunga, turbolente e violenta dei rapporti tra Israele e gli stati arabi. Come è accaduto negli ultimi anni di politica via twitter, il presidente Trump ha cambiato la storia con un click.

Chi viveva e lavorava a Dubai, e aveva rapporti in Israele, si è sempre visto tollerare da entrambi i paesi, mentre altri paesi arabi erano molto più severi con chi visitava Israele. Mi sono trovato più di una volta con un visto d’ingresso negli Emirati Arabi accanto al visto israeliano sul mio passaporto, forse una dimostrazione dell’addetto di polizia di frontiera di Dubai della tolleranza degli Emirati nei confronti d’Israele. Al contrario, Libano, Arabia Saudita e Sudan non rilasciano visti sui passaporti che rechino un visto dello stato d’Israele.

Continue Reading